La patologia degenerativa della prostata

La patologia degenerativa della prostata


Conosciamola meglio

La prostata è una ghiandola dell’apparatogenitale maschile deputata alla produzione dellacomponente fluida dello sperma che con gli anniva incontro a patologie di carattere degenerativo checomprendono:1. l’iperplasia benigna2. il tumore della prostataL’iperplasia produce il cosiddetto “ingrossamento benignodella ghiandola”, che non riguarda tutti i maschi allo stessomodo in quanto lo sviluppo volumetrico della ghiandolaè soggettivo. L’iperplasia determina l’inevitabile schiacciamentodel canale urinario che transita al suo interno da cuiscaturiscono una serie di disturbi minzionali che comprendonodifficoltà ad urinare, getto debole ed in più tempi,stimolo fequente di giorno e di notte, urgenza minzionale,che si ripercuotono negativamente sulla qualità di vita delpaziente. Questi sintomi tendono a peggiorare costantementee gradualmente nel tempo quasi in modo impercetimpercettibilefino a poter culminare, nel loro grado estremo, nelposizionamento del catetere vescicale per la sopraggiuntaritenzione urinaria. La degenerazione neoplastica delle celluleprostatiche è causa invece del tumore. Ad oggi non siè ancora a conoscenza dell’esatto meccanismo con cui taleprocesso si innesca; sappiamo solo che il tumore prostaticoè dipendente dalla stimolazione ormonale androgenica eche una dieta ricca in proteine e grassi di origine animalepuò essere a rischio. Non conoscendo l’esatto meccanismocon cui tali processi si instaurano líunico strumento perpoter eseguire un’ottima prevenzione è la diagnosi precoce.L’iter diagnostico della patologia prostatica comprende ildosaggio sierologico di PSA e creatinina, l’esame urine,l’uroflussometria, l’ecografia prostatica sovrapubica e transrettalee la visita urologica in cui tali accertamenti vengonointegrati con i dettagli clinici dell’esame fisico del paziente. È buona regola pertanto che tutti i maschi dopoi 50 anni, soprattutto in caso di familiarità per patologiaprostatica, si sottopongano a tale valutazione. I provvedimentiterapeutici eventuali che possono essere adottatisono molteplici e vanno personalizzati in base alle caratteristichedel paziente e della patologia. Nell’iperplasiaprostatica si va da semplici suggerimenti comportamentalie/o terapie farmacologiche specifiche fino alla soluzionechirurgica in caso di fallimento della terapia conservativa.Anche il tumore della prostata può essere guarito a partireda adeguati programmi di prevenzione che consentano dipoter definire la diagnosi il più precocemente possibile perpoter poi eradicare la malattia con trattamenti definitiviche comprendono l’intervento chirurgico di prostatectomiaradicale oppure la radioterapia.


Pubblicato il 23/07/2015
Scritto da Giampiero Cecchetti